La coda lunga della cultura contemporanea a Bari.

“Com’è stata la mostra?”
“Mmm, molto carina!”

Per stare in pace in società, siamo abituati da sempre a commentare i nostri consumi culturali con aggettivazioni che sfumano dal “meraviglioso” al “carino”. Spesso per quieto vivere non commentiamo nemmeno. Altre volte, invece, ai vernissage, commentiamo dinanzi agli autori o i curatori presenti, di aver trovato la loro mostra: “stupenda”.

Le arti contemporanee, però, assai raramente hanno a che fare con il concetto di bellezza.

Read More

La riforma costituzionale. Sì o no?

Il tema è caldissimo. Tra un mese si voterà per confermare e convertire in Legge la nuova Costituzione della Repubblica, oppure bocciare la riforma e, inevitabilmente con essa, anche il Governo del Premier Renzi.

Grazie al lavoro del Prof. Nicola Accettura, allego qui di seguito la riforma costituzione come emendata dall’attuale Parlamento e sottoposta al voto referendario. In rosso trovate le nuove parti.

Come si comprenderà, la riforma riguarda esclusivamente la parte seconda della Carta fondamentale, riguardante l’Ordinamento. Non vengono minimamente toccati i principi fondamentali e i diritti e doveri dei cittadini.

Tre virtù servono per farsi un’idea personale:

1. Onestà intellettuale;
2. Pazienza;
3. Volontà di capire, senza condizionamenti esterni.

Read More

Intervista a Repubblica.

Martedì scorso, 26 luglio 2016, Francesca Russi di Repubblica Bari mi ha intervistato a proposito di qualche polemica sollevata a proposito dell’estate barese.
Ecco l’intervista integrale.

Molti turisti che girano nel centro ma pochi eventi in città. La sera a Bari non c’è molto da fare se non passeggiare tra i locali della movida. Assessore, che ne è dell’estate barese?

Sfatiamo alcuni miti: a Bari i turisti stanno crescendo, negli ultimi anni, in modo esponenziale. Nel 2015, gli ultimi dati di cui disponiamo, abbiamo registrato 335mila arrivi per 622mila presenze. Merito di una città che è la prima méta turistica pugliese, con il suo enorme patrimonio storico, architettonico, la dimensione metropolitana, la grandezza della sua storia nicolaiana. Dobbiamo crescere sotto il profilo dell’offerta, per aumentare le notti dormite. Per questo, in soli due anni dal nostro insediamento, abbiamo aperto cantieri a ritmo crescente per dare a Bari un Polo contemporaneo delle arti, un Museo archeologico, una grande Mediateca, il nuovo Piccinni, uno spazio per la ricerca e le culture giovanili presso la Manifattura. Una città – cantiere che, tra due anni, avrà tutte le carte in regola per competere ancora meglio. L’Assessore alle culture dà gli indirizzi e le politiche, non fa il direttore artistico della città. Non uno degli operatori culturali che parlano oggi, ha presentato un progetto per l’estate barese. Perché? Forse perché avevano già deciso di andare chi a Polignano, chi a Giovinazzo. Noi non siamo stupiti. Bari non si accende solo l’estate per poi tornare in letargo in autunno. Bari è cuore di un territorio esteso – la Terra di Bari – che offre un ventaglio di possibilità ai turisti e la gradevolezza della vita sul mare a chi vi risiede. Per questo abbiamo progettato la Bari Guest Card, su scala metropolitana, per integrare l’offerta di tutta la provincia, non solo difendendo l’orticello barese.

Read More

Tempus regit actum.

Tempo addietro mi occupai di una questione politica e ambientale caldissima, in relazione al depuratore di Manduria e Sava, due paesi del tarantino che ne sono sprovvisti e dove la politica locale, in saldatura con alcuni esponenti regionali, trovò terreno fertile per coltivare la famigerata pianta del populismo.

La stampa locale mi attaccò con il pungente argomento secondo il quale dovevo farmi bellamente i fattacci miei. Questo era il mio post. Cercandole on line, potete trovare le intemerate a contrasto.

Read More

Venti mesi

Venti mesi volano, nella Pubblica Amministrazione. Ti sembra di non aver fatto ancora nulla, ti giri, scopri di aver cambiato una città o, almeno, di avercela messa tutta per riuscirvi, innescando un processo di cambiamento vorticoso.

I primi venti mesi dell’Amministrazione Decaro in materia di cultura e turismo sono stati investiti verso tre direttrici: i contenitori e la visione, l’innovazione, il miglioramento amministrativo.

La nostra visione è contenuta nel programma del Sindaco e va definita come un’idea policentrica della città.

Read More

Isis, Europa e Bari.

I tragici accadimenti di Bruxelles rappresentano l’occasione per fermarci a riflettere. Ovviamente è facile anche non riflettere e farsi prendere dalla paura e dalla pura indignazione, invocando misure illogiche o, peggio, contrarie a qualunque idea di civiltà.

Vorrei dare il mio piccolo contributo ringraziando per l’ospitalità un quotidiano che ha scelto di dedicarsi all’approfondimento piuttosto che all’inseguimento dell’ultima notizia.

Read More

Il DDL cinema. Una buona legge, ma attenti al rumore di fondo…

Per i suoi automatismi, per il superamento della divisione tra cinema e tv con l’avvento dell’audiovisivo quale campo d’interesse legislativo, per la comprensione delle quattro filiere che lo compongono (produzione, distribuzione, esercizio, promozione e vendita internazionale), il DDL dimostra, ancora una volta, che Franceschini è un Ministro capace, politicamente solido, forte di un Direttore generale come Nicola Borrelli che – d’intesa con Salvo Nastasi che opera presso la Presidenza del Consiglio – ha saputo intelligentemente far tesoro del lavoro di ascolto avviato oltre due anni fa con gli Stati generali dell’audiovisivo.

Read More

Il peso della cacca.

Tutti facciamo la cacca. In tutto il mondo, tutti i giorni (i più fortunati).
Tutti facciamo o vorremmo fare la doccia calda. In tutto il mondo, (quasi, sic!) tutti i giorni.
Tutti amiamo ascoltare musica riprodotta, vedere un film in santa pace a casa, asciugarci i capelli (chi ancora li ha).

Nessuno vuole i depuratori vicino casa.
Nessuno vuole un tubo che porti il gas dalla Russia a casa.
Nessuno vuole le centrali elettriche vicino casa.
Nessuno vuole che il progresso e lo sviluppo si manifestino in modo troppo esposto.

Read More

Tra i primi in Italia.

Oggi è un bel giorno per Bari. Siamo tra i primi, in Italia, ad affidare con la concessione d’uso, la gestione di un bene culturale importante per la città.
Ecco perché.

La ripartizione Culture rende noto che questo pomeriggio, presso gli uffici in via Argiro 33, si è tenuta la seduta pubblica nel corso della quale si è data lettura dei punteggi attribuiti alle proposte di gestione/offerte tecniche e alla apertura dei plichi contenenti le offerte economiche in merito all’avviso per la “Concessione in uso e gestione della Sala Murat nell’ambito della realizzazione del Polo delle Arti Contemporanee di Bari, nonché per la selezione del progetto esecutivo di allestimento del Concept Store e del relativo piano di comunicazione”. Ai lavori della commissione, composta dalla presidente Paola Bibbò, dirigente della ripartizione Culture, da Piera Nardulli, dirigente della ripartizione Patrimonio, e dall’esperto in valorizzazione dei beni culturali e politiche di sviluppo locali Francesco Milella, hanno presenziato i rappresentanti di tutte le realtà partecipanti ammesse.

Read More

La sala Murat di Bari. Privatizzazione o valorizzazione?

Alcuni giorni fa ho mandato in pubblicazione l’avviso di concessione d’uso della sala Murat di Bari.
Si tratta di un parallelepipedo di circa 600 mq, posto all’ingresso del borgo antico di Bari vecchia, interamente ricostruito negli anni ’90, sulla base dei vecchi progetti originari per un mercato dei fiori. Oggi è un luogo privo di qualsivoglia valore storico, sebbene negli ultimi vent’anni, grazie alla sua posizione, sia divenuto importantissimo contenitore di eventi di ogni genere. Affastellando cose buone a cose pessime, non consentendo all’Amministrazione di stabilire alcun discorso culturale, alcun percorso di crescita di un pubblico, alcuna attrattività turistica. E in più gravando sui bilanci comunali per le spese di gestione ordinaria e di manutenzione.

In estrema sintesi l’avviso di concessione d’uso del bene richiede all’aggiudicatario di impegnarsi da un minimo di 3 a un massimo di 12 anni, di versare al Comune un minimo di 5.000 euro annui dal terzo esercizio, di consentire al Comune di realizzare proprie iniziative per 60 giorni anche non consecutivi l’anno, di farsi carico di tutte le spese di gestione ordinaria, di garantire la manutenzione straordinaria, di allestire gestire e sviluppare il primo “Concept store creativo” della Regione Puglia, di realizzare mostre ed eventi d’intesa con il referente del Comune di Bari per le arti visive dott. Massimo Torrigiani.

Read More